L’arbulòn di Bruno Pellati

La poesia in dialetto ferrarese dedicata da Bruno Pellati al Sorbo pluricentenario di Guarda Ferrarese:
 
L’arbulòn
ln prinzìpi dla cavdàgna ta m’in pàri na muntàgna
con i ram t’abràzi al ziél, con la ciòma at stendi un vél
che in mument ad gran calùra al s’regàla un po’d frascùra.
Mi ‘n sò brisa quant àn c’at gà, ma un vèc al m’à cuntà
c’at iér zà piantà in stà tèra prima ancòra ac gnéss la guèra.
S’at putési ciacaràr, t’ag n’avrési da cuntàr
parché pròpia lì davanti at ià vìst pasàr in tanti:
òm e dòn, vèc e putìn, tùti con al stéss destìn
lauràr e tant sudàr
tribulàr e pòc speràr che quèl a putéss cambiàr.
La tò granda dignità l’è stà sempar trascura’
o stupénda creatùra, caplaòr a dla natùra
par un dì duér duantàr, forse mòbil d’aredàr, o pèz . .Iegna da brusàr!
E par quést, in front a tì, mi’t ringràzi d’èsar lì
a dispèt d’l’indifarénza, ma con tùta la paziénza
ad chi cuntinua a regalàr aria bòna da respiràr.
Bruno Pellati
TRADUZIONE
IL GRANDE ALBERO
Sul ciglio della capezzagna mi sembri una montagna con i rami abbracci il cielo con la chioma stendi un velo che nel tempo di gran caldo ci regala un po’ di fresco. Non so quanti anni hai ma un vecchio mi ha raccontato che eri già piantato in questa terra prima ancora che venisse la guerra. Se potessi parlare ne avresti da raccontare perché proprio lì davanti li hai visti passare in tanti uomini e donne, vecchi e bambini tutti con lo stesso destino lavorare e tanto sudare soffrire e poco sperare che qualcosa potesse cambiare. La tua grande dignità di stupenda creatura capolavoro della natura è stata sempre trascurata per dover diventare un giorno forse mobile per arredare o peggio, legna da ardere. E per questo di fronte a tè ti ringrazio di esser lì a dispetto dell’indifferenza ma con tutta la pazienza di chi continua a regalare aria buona da respirare.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante natura e albero